La brava moglie si sente sempre imperfetta, vuole tenere tutto sotto controllo e spesso vive la sensazione di essere fuori posto (e magari anche fuori tempo). Cerca di adeguarsi – ad ogni costo – al modello di donna forte, quella ideale, e poi finisce per provare disgusto verso gli altri perché, in realtà, è ciò che prova per se stessa.

Certo! E’ la conseguenza del suo tentativo di allinearsi agli schemi preconfezionati di un mondo che si aspetta troppo da lei.

Nooo, che dico!!! Il mondo si aspetta TUTTO da lei.
La donna DEVE farcela, deve esserci, deve prendersi cura di tutti, deve…

 

Forse anche tu ti senti così?

Sei stata investita da un ruolo, che hai ricevuto per “dovere” di nascita e ti sei dimenticata i tuoi diritti.

Sì, perché da bambina dovevi essere pulita, ordinata e precisa, altrimenti…

“SEI UN MASCHIACCIO!!!”  E avevi la colpa di non essere la principessa di papà.

Così hai ceduto il passo, un centimetro alla volta, giorno per giorno, arretrando rispetto a TE STESSA.

Ma non siamo più negli anni 50 e noi tutte arriviamo a quel momento della vita in cui, dopo aver pianto sotto la doccia per non mostrare a nessuno le nostre lacrime, ci diciamo: “ADESSO BASTA!”.

La donna forte è la donna ideale
Devi essere una donna forte

Ok… Preparati, perché quando inizierai a dire le stesse parole ad alta voce, a qualcuno, ti scontrerai con la dura realtà:

Sei diventata una cattiva donna, egoista.  – Così ti definiscono.

E allora potresti ricadere nel vecchio schema, dicendoti che sei stata una stupida bambina ribelle.

Ma la tua Essenza vorrà tornare presto a galla e allora inizierai il ballo di un Cha Cha Cha, avanti e indietro, tra la Brava moglie e la Cattiva donna. Tutto questo potrebbe durare un po’, o un bel po’.

Ecco perché ho scritto questo articolo: Sono qui per aiutarti!

Non sei egoista
Resta fedele a te stessa

IO HO BALLATO – TRA PIANTI E SORRISI – IL CHA CHA CHA, per anni, finché ho capito che Essere una Brava moglie è diverso da quello che mi hanno inculcato. Io sono una BRAVA donna. Punto. Non importa quale sia il giudizio degli altrui, importa ciò che vedo io di fronte allo specchio, lì dove per forza devi confrontarti con la tua coscienza.

Sì, io sono una brava donna…

Io sono una BRAVA donna quando so prendermi cura di me, delle mie emozioni e dei miei bisogni… in modo SANO.
Se inizierai a farlo anche tu, allora avrai qualcosa (molto) da offrire agli altri, diversamente ti svuoterai fino a non avere più niente da dare a nessuno, e in primis non avrai niente per te.

 

Quanto vuoi aspettare ancora?

A che punto devi arrivare per capirlo?

Non hai già sofferto abbastanza?

 

E pensare che, mentre ballavo il mio CHA CHA CHA, ho letto, studiato e riflettuto. Ho appreso tanto, mi ero resa conto di essere una brava donna, ma mi mancava la pratica, l’applicazione di tutto quello che imparavo.

Purtroppo il mio limite era la difficoltà di accettare che…

“Davvero tutto questo sta accadendo a me?”.

Così rimandavo, cercavo conferme! Puntavo il dito contro me stessa…

“Non è che sono io quella SBAGLIATA?”

No, mia cara. Non sei tu. Come tutti hai i tuoi difetti, però non sei tu che hai preso a piene mani, senza dare nulla in cambio. È esattamente il contrario. Se la smettessi di prendere da te stessa di salvare il mondo intero, di curare quegli amori narcisisti, forse capiresti che tu non sei responsabile per gli altri. Non è compito tuo quello di rendere felice un uomo o di evitare che si arrabbi. Quando ti alza le mani, non ci sono giustificazioni! Non esistono scuse tipo:

“Guarda fino a che punto mi hai provocato!!!!”.

E’ inaccettabile il:

“Sei sempre la solita, una donna egoista!!”

Finché non te lo metti in testa, resterai nella danza: avanti e indietro, sono brava, sono cattiva.

Dovrai accettare la triste realtà: ti hanno svuotata, derubata della tua essenza, sbriciolata pezzo pezzo fin da piccola. Tutto questo inizia ben lontano da oggi, nel nido in cui sei cresciuta, anche se ti hanno amata tantissimo.

Eh già, papà ti ha amata tanto perché hai accettato di essere la sua principessa. Amore condizionato: è così che si chiama, in quanto dipende da una condizione (non devi essere un maschiaccio). Anche mamma ti ha amato perché ti impegnavi sempre ad aiutarla in casa. Sei stata una figlia modello. I nostri genitori ci hanno amate di sicuro, il fatto è che non sempre sono stati capaci di farlo in modo sano.

Comunque lasciamo perdere di chi sia la colpa, parliamo di responsabilità:

Oggi, chi ha la responsabilità di scegliere di cambiare vita?

Per la Bella Addormentata è arrivato il momento di svegliarsi, con la differenza che dovrà farlo senza il bacio di un principe (che poi nella storia era un rospo).

Ti sei mai chiesta perché quel principe prima era un rospo?

Sei stata tu a trasformarlo in un principe: è così che hai voluto vederlo dopo il primo bacio… Attenzione!

Conosco donne che sono cadute molto in basso, alcune molto più in basso di me.

Prima decidi di toglierti gli occhiali rosa e prima tornerai a rivedere il rospo. Quando lo farai, farai anche tutto il resto: ti toglierai le catene e agirai per il tuo bene (e se hai dei figli, lo farai pure per loro).

Togliti quelle scarpe da ballo e smetti di ballare con il ballerino sbagliato…

Violenza psicologica e fisica
La violenza non è solo fisica

 

Sai, devo confessarti che l’azione non è tutto, infatti io ero caduta nell’errore di pretendere di fare tutto io, ancora. Mi sentivo in dovere di tirarmi fuori – con le mie mani – dal baratro. Del resto, era colpa mia se ci ero cascata e, quindi, ero io a dovermi rialzare da sola.

Dovevo arrangiarmi…

Come mi aveva detto un uomo.

No! Io e te abbiamo il diritto e il dovere di chiedere aiuto e così ho fatto.

In quel momento ho scoperto quanto amore c’era intorno a me: amici, parenti, colleghi di lavoro, persone con cui collaboro, professionisti… La prima ad avermi capita, e al volo, è stata la commercialista. Sembra una barzelletta, invece c’è un motivo: è una brava donna, una donna speciale.

Oggi, però, sono qui per presentarti un’altra donna speciale, una brava donna come me e te, che ho conosciuto soltanto di recente, quando ero già ben avviata sul mio percorso di rinascita. Anche lei ha subito traumi e abusi in passato, che però ha saputo trasformarli in qualcosa di positivo.

Ne ha fatto una professione e oggi può aiutare tante persone, portando agli altri il suo valore, la sua esperienza personale insieme allo studio. È una donna che porta nell’animo quel tesoro tanto ambito dai vampiri energetici. Ci hanno provato a “rubarlo”, senza sapere che hanno sotterrato un seme che ben presto è germogliato. Sì, voglio che ti sia chiaro un concetto: una brava donna finisce tra le braccia di un abusante perché è speciale, perché ha un qualcosa in più, un valore che loro possono solo sognare.

Sono bravissimi a fiutare le qualità delle loro prede.

Quindi, se ti stai chiedendo: ”Perché proprio a me?”

E se ti stai rispondendo: “Perché sono stupida!”

Beh, toglitelo dalla testa. È esattamente il contrario: ti ha scelta, consapevole delle tue doti, convinto di poter ricevere molto e con la pretesa di ottenerlo, ad ogni costo… inclusa la possibilità di distruggerti, a tutti i livelli.

Anche Mary Zito ci è passata, ha vissuto dei momenti in cui non ci credeva più, finché un giorno ha tolto gli occhiali rosa e ha visto il rospo. Mary Zito Counselor

Da quell’istante è scattato in lei qualcosa, ha studiato e si è fatta aiutare.

È diventata una Counselor professionista per portare il valore della sua rinascita fino a te, proprio come sto facendo io. Ecco perché ho deciso di accoglierla nel team degli Scappati di Casa, per condividere la sua esperienza con gli amici della nuova Elena, ovvero quella Donna che sono diventata ricostruendomi un pezzo per volta… e non più da sola, ma con l’aiuto di persone di valore come Mary.

Clicca questa pagina e leggi cosa abbia scritto per te in questo articolo:

Perché vivi storie d’amore complicate, tutte uguali?

Se vuoi puoi raccontarci la tua esperienza, darci i tuoi suggerimenti e commentare qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *